Skip to content

Terapia: tra miti e realtà

EPISODIO SPECIALE

I 3 PRINCIPI ATTIVI DI OGNI PSICOTERAPIA E COME POTENZIARLI

Sappiamo che un farmaco funziona grazie a sostanze chimiche che agiscono sul nostro corpo. Ma come funziona la psicoterapia, basta iniziare per ciò che funzioni? Noi psicologi ci siamo sempre mantenuti molto vaghi sul tema contribuendo a creare un alone di mistero, risultando agli occhi di alcuni come psico-maghi e agli occhi di altri come ciarlatani. È il momento di fare un po’ di chiarezza.

I 3 principi attivi della terapia

Iniziamo sfatando un mito: la psicoterapia non funziona grazie a “magiche” tecniche o segreti. Piuttosto, si regge su 3 principi attivi comuni a tutti gli approcci: 

1. L’aspettativa del paziente: la convinzione che la terapia possa apportare un cambiamento positivo stimola la collaborazione e influenza significativamente i risultati. Ecco perché non è possibile forzare qualcuno a intraprendere un percorso contro la sua volontà. 

2. La fiducia del terapeuta. Se lo psicologo dubita di poter essere d’aiuto al paziente e non si sente in grado di guidare la persona verso un cambiamento, la terapia sarà fallimentare.

3. La relazione terapeutica: il legame di fiducia formatosi tra paziente e terapeuta è un elemento chiave per il successo del percorso.

Nel momento in cui manca uno di questi elementi, indipendentemente dall’approccio scelto, la terapia non funzionerà. Hai capito bene, anche se le tecniche utilizzate sono corrette, anche se la terapia è evidence-based e anche se il terapeuta è il più bravo del mondo, quella persona non cambierà! Anzi, ogni tentativo di farla cambiare, se reiterato nel tempo, rischia addirittura di peggiorare la situazione, irrigidendo la natura del problema.

Se invece questi 3 elementi coesistono allora la terapia avrà buone probabilità di avere successo. Tuttavia, le tecniche utilizzate variano drasticamente in base all’approccio, risultando in tempistiche diverse e in forme di cambiamento differenti, non sempre adatte alle aspettative di tutti.

Lo shopping Terapeutico

Nel momento in cui una terapia fallisce, esiste solo uno scenario possibile: cambiare terapeuta, fino a quando non si trova il percorso risolutivo. Eppure, per quanto questa indicazione possa sembrare pratica e funzionale, in alcuni casi può trasformarsi in una vera e propria psicotrappola.

Lo “shopping terapeutico” è il principale rischio a cui ci si espone. Questo si verifica quando la persona prova tanti professionisti senza riuscire a sbloccare il suo problema, andando a perdere fiducia nelle proprie risorse. 

Il meccanismo disfunzionale che si viene ad instaurare è il seguente: il soggetto, non si affida più completamente a nessun professionista e, in queste condizioni, non si predispone a dare la fiducia necessaria per creare quell’alleanza terapeutica alla base di qualsiasi percorso risolutivo. 

In questa escalation viene a maturarsi l’erronea convinzione che “il prossimo sarà sicuramente migliore del precedente”, realizzando una sorta di profezia che si autoavvera che mette il professionista in una condizione di svantaggio, causando i peggiori esiti.

Del resto, come diceva Milton Erikson, è più facile cambiare terapeuta che cambiare sé stessi. 

La Pillola Espressa

Ecco uno strumento concreto che puoi utilizzare sin da subito

Premesso questo, come possiamo evitare di imbatterci in terapie infinite? 

Semplice, catalizzando i principi attivi che fanno funzionare la terapia: l’aspettativa del paziente, la capacità del terapeuta e la relazione terapeutica. 

1. Per quanto riguarda la relazione terapeutica, proprio come in ogni relazione di vita, per potenziarla è utile instaurare un dialogo di apertura da entrambi i lati: lo psicologo deve essere bravo ad anticipare le esigenze del paziente e il paziente dev’essere bravo ad esprimere le proprie perplessità e i propri bisogni. 

2. Per quanto riguarda la capacità del terapeuta, per quanto possa apparire elementare, è necessario che il professionista sia formato adeguatamente, non solo a livello teorico ma anche a livello umano. Per fare lo psicologo non è sufficiente imparare a memoria delle tecniche e delle strategie, come diceva Irvin Yalom, solo il guaritore che è stato ferito può davvero curare.

3. In ultimo, per migliorare l’aspettativa del paziente nei confronti della terapia dobbiamo affidarci al professionista che ci piace, avendo fiducia che il Percorso che stiamo per intraprendere sia quello risolutivo. 

La terapia su misura

Ecco perché, oltre alla nostra ormai storica Tariffa Agevolata (abbiamo già garantito oltre 10.000 sedute a migliaia di persone – e continueremo a farlo!), ora puoi partire avvantaggiato scegliendo il Percorso più adatto a te

Questa possibilità è particolarmente ghiotta per chi ha già affrontato delle terapie fallimentari in passato e ha maturato l’idea di aver bisogno di qualcos’altro, oppure per chi semplicemente vuole indossare l’abito giusto” prima di mettersi in viaggio. 

Ora puoi scegliere consapevolmente tra Percorso Discovery e Percorso Espresso.mIl primo è orientato all’introspezione e alla scoperta di sé; grande enfasi è attribuita all’analisi del passatoIl secondo, è orientato alla risoluzione di un problema invalidante nel minor tempo possibile; grande enfasi viene data a ciò che non va nel qui e ora

Insomma, sebbene questi percorsi portino alla stessa destinazione, il panorama che ti consentono di ammirare è molto diverso. 

Ora puoi adattare la terapia in base alle tue esigenze: se hai difficoltà economiche puoi iniziare un percorso a tariffa agevolata, mentre se vuoi scegliere consapevolmente c’è il Percorso Discovery e il Percorso Espresso. 

Qualunque sia la tua situazione, ricorda, come ci insegna Paolo Coelho, le scelte sono soltanto l’inizio del cammino.

 

LA TERAPIA SU MISURA

Personalizza il tuo percorso di cambiamento

La frase “magica” della settimana

Le scelte sono solo l’inizio del cammino – Paolo Coelho

Federico Cuculachi

Federico Cuculachi

Articolo revisionato dal dott. Federico Cuculachi – Fondatore di Psicologo Espresso

Scrivi nei commenti le tue riflessioni!

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *